17/10/2023

Adeguamento statuti ASD e SSD

Entro il 31 dicembre 2023 le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) e le società sportive dilettantistiche (SSD) dovranno modificare il proprio statuto integrandolo con le norme del D.Lgs. 36/2021 e recependo le novità introdotte dalla cosiddetta riforma dello sport. In particolare:
  • negli oggetti sociali attuali è prevista l’organizzazione di attività sportive dilettantistiche compresa l’attività didattica, mentre le nuove norme richiedono l’esercizio in via stabile e principale l’organizzazione e gestione di attività sportive dilettantistiche, ivi comprese la formazione, la didattica, la preparazione e l’assistenza alla attività sportiva dilettantistica;
  • le norme precedenti non fanno riferimento alle attività “diverse” da quelle tipicamente sportive (es. sponsorizzazione, noleggio/vendita attrezzatura sportiva, ecc.) mentre la riforma prevede espressamente che le ASD/SSD possano esercitare dette attività solo se lo statuto lo preveda e se le stesse risultino “secondarie” e “strumentali” all’attività principale;
  • gli attuali statuti prevedono il divieto per gli amministratori delle ASD/SSD di ricoprire la medesima carica in altre ASD/SSD nell’ambito della medesima Federazione sportiva o EPS, la nuova normativa prevede che tale divieto sia riferito a “qualsiasi carica”.

L’obbligo di adeguamento statutario può rappresentare anche un’opportunità per verificare il rispetto delle norme di cui all’art.148 del TUIR richieste per l’accesso a vantaggi di natura fiscale (es. esenzione corrispettivi da soci); lo statuto a tal fine deve prevedere:
  • divieto di distribuzione utili;
  • obbligo di devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento;
  • disciplina uniforme del rapporto associativo;
  • divieto espresso di partecipazione associativa temporanea;
  • diritto per tutti i soci di partecipazione alla vita associativa;
  • previsione a favore di tutti i soci dell’elettorato attivo e passivo;
  • obbligo di approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario;
  • principio del voto singolo:
  • sovranità dell’assemblea dei soci e criteri di loro ammissione ed esclusione;
  • criteri per la pubblicità delle convocazioni assembleari e delle delibere, di bilanci o rendiconti;
  • intrasmissibilità della quota o contributo associativo ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non rivalutabilità della stessa.

Il mancato adeguamento dello statuto potrebbe comportare la cancellazione dal registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche (RAS) e la perdita delle agevolazioni legate allo status di Ente Sportivo Dilettantistico. Prevista l’esenzione dall’imposta di registro qualora lo statuto venga modificato entro il 31 dicembre 2023.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/06/2024

Bilanci degli ETS, deposito entro giugno

Entro il 30 giugno 2024 gli enti del terzo settore devono depositare il bilancio dell’anno 2023 all’interno della piattaforma RUNTS, unitamente al verbale di approvazione da parte dell’assemblea dei soci (convocata nei termini previsti dallo ...
 
 

17/06/2024

In arrivo lettere di compliance per aiuti di stato 2020

L’Agenzia delle Entrate sta inviando specifiche comunicazioni dedicate alle anomalie riscontrate alla mancata registrazione degli aiuti di Stato / “de minimis” nei registri RNA, SIAN, SIPA a seguito dell’indicazione, nel prospetto “Aiuti di Stato” ...
 
 

12/06/2024

Definizione agevolata dei PVC

Il contribuente che riceve un processo verbale di constatazione (“PVC”) può scegliere di definire le violazioni accertate con sanzioni particolarmente ridotte, secondo quanto previsto della riforma dell’accertamento (Dlgs n. 13/2024). La novità si ...
 
 

11/06/2024

Cedolare secca per l’immobile abitativo locato ad una impresa

Per la Cassazione il locatore persona fisica "privato" può optare per l'applicazione della "cedolare secca" anche per i contratti di locazione di immobili abitativi stipulati con imprese, sempreché sia rispettata la destinazione ad uso abitativo ...
 
 
 
Contattaci