07/08/2023

ASD, novità per il “lavoro sportivo”

Dopo numerosi differimenti, dal 1 luglio 2023 è operativa la c.d. “riforma dello sport” con la quale si prevede le prestazioni svolte per enti sportivi dilettantistici (ASD/SSD), devono essere inquadrate obbligatoriamente:
  • come lavoro dipendente oppure
  • come lavoro autonomi con partita IVA oppure
  • come collaboratori coordinati e continuativi
con un limite massimo di settimanale di 18 ore per rientrare nelle agevolazioni in materia di imposizione fiscale e previdenziale:
  • soglia esente da qualsiasi prelievo ridotta da 10.000 euro a 5.000 euro;
  • ai redditi compresi fra 5.000 e 15.000 euro l’anno non si applicano ritenute fiscali, ma vengono applicate quelle previdenziali;
  • sui compensi oltre i 15.000 euro annui si applicano sia le ritenute fiscali sia quelle previdenziali.

I contributi previdenziali sono ridotti del 50% per i primi cinque anni.

Entro il 31 ottobre 2023 le associazioni dovrebbero provvedere agli adempimenti ordinari previsti per le prestazioni di lavoro, anche utilizzando le procedure telematiche disponibili sul portale www.sportesalute.eu.
Si segnala che anche con l'entrata in vigore del nuovo limite a metà dell'anno, la soglia complessiva per il periodo d’imposta 2023 resta fissata a 15.000 euro, oltre la quale si applica direttamente la tassazione ordinaria.

 

 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

17/05/2024

Adeguamento statuti ASD e SSD

Entro il 30 giugno 2024 le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) e le Società Sportive Dilettantistiche (SSD) hanno l’obbligo di adeguare il proprio Statuto sociale secondo la normativa prevista dal D.Lgs 36/2021. Le ASD/SSD che non ...
 
 

14/05/2024

Definito il “regime premiale” degli ISA

Con un recente provvedimento è stato definito il regime premiale per i contribuenti soggetti a ISA per l’anno 2023 (modello redditi 2024) che presentano elevati profili di affidabilità. 

 
 

09/05/2024

Dl Salva Conti, proroga per il ravvedimento speciale

Il ravvedimento speciale è stato esteso alle violazioni riguardanti le dichiarazioni validamente presentate relative all’anno di imposta 2022 e prorogato al 31 maggio 2024 il termine entro il quale rimuovere l’irregolarità / omissione. Lo stesso ...
 
 

08/05/2024

Nuove limitazioni per superbonus, crediti 4.0, ricerca e sviluppo

Il decreto “Salva Conti" introduce nuove disposizioni in materia di superbonus che limitano ulteriormente la possibilità di opzione per la cessione del credito / sconto in fattura. In particolare, vengono ora esclusi dalla deroga al blocco ...
 
 
 
Contattaci