28/08/2023

Il nuovo Indice nazionale dei domicili digitali

Da luglio è operativo l’INAD (“indice nazionale dei domicili digitali”) attraverso il quale le pubbliche amministrazioni (compresa l’Amministrazione finanziaria) potranno inoltrare le comunicazioni con valenza legale nei confronti di persone fisiche, professionisti non tenuti all’iscrizione in albi, elenchi o registri e altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione nel Registro delle imprese.

Tale strumento consente ai cittadini di registrare il proprio domicilio digitale, un indirizzo PEC, per ricevere tutte le comunicazioni ufficiali dalla Pubblica Amministrazione; in tal modo, ad esempio, le comunicazioni relative a rimborsi fiscali e detrazioni d’imposta, accertamenti, verbali di sanzioni amministrative, e così via, vengono inviate direttamente nella casella di posta indicata dal soggetto, che può gestire in autonomia il proprio domicilio digitale.

Per attivare il domicilio digitale è necessario un indirizzo PEC e un'identità digitale (SPID, CIE o CNS) e seguire la procedura di registrazione.

L’attivazione del domicilio digitale è volontaria e non c’è un obbligo di legge a riguardo ne sanzioni. Fino al 30 novembre 2023, non ci saranno neanche conseguenze concrete: infatti, ancora per i prossimi mesi la Pubblica Amministrazione invierà le comunicazioni anche per posta cartacea, se non c'è un domicilio digitale. È però previsto che dal 30 novembre 2023 in poi la Pubblica Amministrazione non invierà più comunicazioni cartacee, e quindi sarà obbligatorio iscriversi all'INAD.

Si segnala che le PEC dei professionisti iscritti in albi o elenchi, contenute nel registro INI-PEC, sono automaticamente inserite nell’INAD.

 

 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/05/2024

Tardiva comunicazione ENEA e fruizione dell’ecobonus

La Cassazione ha chiarito che l’omessa/tardiva comunicazione all’ENEA (rispetto ai 90 giorni previsti) non determina la decadenza dall’agevolazione, rilevando che la norma che ha previsto l’obbligo di trasmissione della comunicazione all’ENEA ...
 
 

17/05/2024

Adeguamento statuti ASD e SSD

Entro il 30 giugno 2024 le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) e le Società Sportive Dilettantistiche (SSD) hanno l’obbligo di adeguare il proprio Statuto sociale secondo la normativa prevista dal D.Lgs 36/2021. Le ASD/SSD che non ...
 
 

14/05/2024

Definito il “regime premiale” degli ISA

Con un recente provvedimento è stato definito il regime premiale per i contribuenti soggetti a ISA per l’anno 2023 (modello redditi 2024) che presentano elevati profili di affidabilità. 

 
 

09/05/2024

Dl Salva Conti, proroga per il ravvedimento speciale

Il ravvedimento speciale è stato esteso alle violazioni riguardanti le dichiarazioni validamente presentate relative all’anno di imposta 2022 e prorogato al 31 maggio 2024 il termine entro il quale rimuovere l’irregolarità / omissione. Lo stesso ...
 
 
 
Contattaci