18/04/2023

La legge delega per la riforma fiscale

Approvato il disegno di legge delega per la riforma fiscale; con l’approvazione del parlamento, il governo avrà poi 24 mesi di tempo per dare atto alla riforma e riordino dell’intero sistema fiscale. In sintesi, si prevede:

IRPEF
  • riduzione scaglioni di reddito da 4 a 3 e revisione sistema delle detrazioni
  • introduzione di un’unica fascia di esenzione fiscale a prescindere dalle diverse categorie di reddito prodotto
  • il riconoscimento della deducibilità, anche forfettizzata, delle spese sostenute per la produzione del reddito di lavoro dipendente e assimilato
  • l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF con aliquota agevolata su una base imponibile commisurata all’incremento del reddito del periodo d’imposta rispetto al reddito di periodo più elevato tra quelli relativi ai tre periodi d’imposta precedenti (“flat tax incrementale attualmente introdotta per le partite IVA e i redditi 2023)
  • neutralità fiscale per le aggregazioni professionali; riduzione delle ritenute d’acconto in proporzione ai costi dei dipendenti

IRES e redditi di impresa
  • riduzione dell’aliquota IRES qualora nei 2 anni successivi il reddito prodotto sia impiegato in investimenti o nuove assunzioni e gli utili non siano distribuiti o destinati a finalità estranee all’esercizio dell’attività d’impresa
  • introduzione di un regime opzionale “IRES” sui redditi d’impresa di ditte individuali e società di persone per utili non prelevati (la tassazione IRPEF rimarrà solo in caso di utili prelevati)
  • revisione disciplina delle società comodo e del trattamento fiscale dei costi parzialmente deducibili (auto)
  • eliminazione delle differenze di trattamento tributario per immobili in leasing/proprietà
  • Concordato preventivo biennale: possibilità per i contribuenti minori di aderire ad una proposta di determinazione concordata della base imponibile (IRES e IRPEF).

IVA
Razionalizzazione del numero e della misura delle aliquote e revisione della disciplina della detrazione

IRAP
Abrogazione del tributo e contestuale istituzione di una “sovraimposta” calcolata sulla base imponibile IRES tale da assicurare un equivalente gettito fiscale

Riscossione e sanzioni
Accesso a forme semplificate di rateizzazione fino a 120 mesi, revisione rilevanza penale per omessi versamenti iva e ritenute.

Semplificazioni fiscali
Riduzione adempimenti e armonizzazione termini dichiarativi e versamenti, sospensione per i mesi di agosto e dicembre di richieste e inviti da parte del fisco.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/05/2024

Tardiva comunicazione ENEA e fruizione dell’ecobonus

La Cassazione ha chiarito che l’omessa/tardiva comunicazione all’ENEA (rispetto ai 90 giorni previsti) non determina la decadenza dall’agevolazione, rilevando che la norma che ha previsto l’obbligo di trasmissione della comunicazione all’ENEA ...
 
 

17/05/2024

Adeguamento statuti ASD e SSD

Entro il 30 giugno 2024 le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) e le Società Sportive Dilettantistiche (SSD) hanno l’obbligo di adeguare il proprio Statuto sociale secondo la normativa prevista dal D.Lgs 36/2021. Le ASD/SSD che non ...
 
 

14/05/2024

Definito il “regime premiale” degli ISA

Con un recente provvedimento è stato definito il regime premiale per i contribuenti soggetti a ISA per l’anno 2023 (modello redditi 2024) che presentano elevati profili di affidabilità. 

 
 

09/05/2024

Dl Salva Conti, proroga per il ravvedimento speciale

Il ravvedimento speciale è stato esteso alle violazioni riguardanti le dichiarazioni validamente presentate relative all’anno di imposta 2022 e prorogato al 31 maggio 2024 il termine entro il quale rimuovere l’irregolarità / omissione. Lo stesso ...
 
 
 
Contattaci