20/07/2023

Notifiche della Pubblica Amministrazione: l’indice nazionale dei domicili digitali

Dal 6 luglio è operativo l’INAD (“indice nazionale dei domicili digitali”) attraverso il quale le pubbliche amministrazioni (compresa l’Amministrazione finanziaria) potranno inoltrare le comunicazioni con valenza legale nei confronti di persone fisiche, professionisti non tenuti all’iscrizione in albi, elenchi o registri e altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione nel Registro delle imprese.

Tale strumento consente ai cittadini di registrare il proprio domicilio digitale, un indirizzo PEC, per ricevere tutte le comunicazioni ufficiali dalla Pubblica Amministrazione; in tal modo, ad esempio, le comunicazioni relative a rimborsi fiscali e detrazioni d’imposta, accertamenti, verbali di sanzioni amministrative, e così via, vengono inviate direttamente nella casella di posta indicata dal soggetto, che può gestire in autonomia il proprio domicilio digitale.
Per attivare il domicilio digitale è necessario un indirizzo PEC e un'identità digitale (SPID, CIE o CNS) e seguire la procedura di registrazione.

L’attivazione del domicilio digitale è volontaria e non c’è un obbligo di legge a riguardo ne sanzioni. Fino al 30.11.2023, non ci saranno neanche conseguenze concrete: infatti, ancora per i prossimi mesi la Pubblica Amministrazione invierà le comunicazioni anche per posta cartacea, se non c'è un domicilio digitale. È però previsto che dal 30.11.2023 in poi la Pubblica Amministrazione non invierà più comunicazioni cartacee, e quindi sarà obbligatorio iscriversi all'INAD.
Si segnala che le PEC dei professionisti iscritti in albi o elenchi, contenute nel registro INI-PEC, sono automaticamente inserite nell’INAD.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

23/07/2024

Comunicazioni di anomalia per il modello IVA 2024

L'Agenzia delle Entrate sta inviando le comunicazioni per le anomalie riscontrate per il modello IVA 2024, invitando il contribuente alla regolarizzazione della posizione. In particolare, la comunicazione è collegata all'anomalia riscontrata tra:
 
 

18/07/2024

Crediti 4.0, verifiche in 30 giorni

In attesa di acquisire i dati relativi alle comunicazioni ex post effettuate al GSE, l’Agenzia delle Entrate sospende la compensazione per 30 giorni in presenza di crediti di imposta su investimenti 4.0. Si tratta in particolare dei codici 6936 ...
 
 

16/07/2024

Concordato preventivo biennale e decreto “correttivo”

Alcuni aspetti del concordato preventivo biennale saranno oggetto di modifica con l’approvazione di un nuovo decreto. Per il primo anno di applicazione il termine di adesione al concordato viene differito al 31 ottobre. Coincide con quello per la ...
 
 

11/07/2024

Concordato preventivo biennale

Con il nuovo concordato preventivo biennale i contribuenti potranno fissare per un biennio (anni di imposta 2024 e 2025), il reddito derivante dall’esercizio d’impresa o dall’esercizio di arti e professioni rilevante ai fini delle imposte sui ...
 
 
 
Contattaci