08/11/2022

Settore turistico, autodichiarazioni per i crediti di imposta affitti e IMU entro febbraio

Per accedere ai crediti d’imposta 2022 destinati al settore turistico, per i canoni di locazione e per la seconda rata IMU pagata nel 2021, gli operatori interessati devono presentare all’Agenzia delle entrate un’autodichiarazione con cui attestano il possesso dei requisiti e il rispetto delle condizioni e dei limiti previsti dalle norme europee sugli aiuti di Stato nell’emergenza Covid (“Temporary Framework”).

Le autodichiarazioni vanno trasmesse in via telematica, entro il 28 febbraio 2023.

Entro 5 giorni, l'Agenzia rilascerà una ricevuta di presa in carico o ne comunicherà lo scarto; entro 10 giorni, una seconda ricevuta comunicherà il riconoscimento o il diniego del credito d'imposta. Dal giorno successivo al riconoscimento, il credito d'imposta sarà utilizzabile in compensazione nel modello F24.

Il credito d’imposta per gli affitti degli immobili a uso non abitativo è destinato alle imprese turistiche e ai gestori di piscine (ATECO 93.11.20) in relazione ai canoni di locazione versati (entro il 29 agosto 2022) per i mesi di gennaio, febbraio e marzo 2022. Il bonus è calcolato sull’ammontare mensile del canone. Spetta nella misura del:
  • 60%, in caso di locazione, leasing o concessione
  • 30%, in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell'attività “agevolata”
  • 50%, in caso di affitto d’azienda di strutture turistico-ricettive.
Il bonus IMU per le imprese del turismo è pari al 50% dell’IMU versata a titolo di seconda rata 2021 per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 nei quali è gestita l’attività turistica; è richiesta una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel secondo trimestre 2021 di almeno il 50% rispetto al corrispondente periodo dell’anno 2019.

L'agevolazione si applica anche con riferimento all’imposta immobiliare semplice (IMIS) della provincia autonoma di Trento, di cui alla legge provinciale n. 14/2014, e all’imposta municipale immobiliare (IMI) della provincia autonoma di Bolzano, di cui alla legge provinciale n. 3/2014.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

17/04/2024

Credito di imposta Transizione 5.0

Un recente decreto-legge introduce il nuovo credito d’imposta “transizione 5.0” che prevede un credito di imposta fino al 45% per le aziende che investono nella doppia transizione ecologica e digitale. L’agevolazione consiste in un credito di ...
 
 

15/04/2024

Comunicazione delle operazioni legate al turismo

In deroga al limite dell'uso del contante, i commercianti al dettaglio e le agenzie di viaggio possono incassare in contanti gli acquisti effettuati da turisti stranieri non residenti in Italia entro il limite di 15mila euro. In particolare, ...
 
 

12/04/2024

Agenti di assicurazione: la ritenuta per le provvigioni percepite parte con aprile

La legge di Bilancio 2024 ha previsto l’abrogazione dell’esonero dalla ritenuta d’acconto sulle provvigioni percepite dagli agenti e dai mediatori di assicurazione per le prestazioni rese alla compagnia assicurativa. La disposizione si applica a ...
 
 

10/04/2024

Nomina organo di controllo Srl con approvazione del bilancio

Il codice della crisi ha modificato i limiti per l'obbligo nelle Srl della nomina dell'organo di controllo o del revisore. Le società a responsabilità limitata possono scegliere di nominare il sindaco o il revisore unico, valutando le differenze ...
 
 
 
Contattaci