04/05/2022

Il settore della moda e dell’abbigliamento in Alto Adige affronta gravi difficoltà

Presidente Moser: “Digitalizzare le aziende e incrementare le frequenze!”

I numeri parlano da soli: a confronto con l’anno pre-pandemico 2019, il settore della moda e dell’abbigliamento nel commercio al dettaglio nei paesi dell’Alto Adige segna un calo di fatturato di circa il 30 percento, mentre nelle aree cittadine il calo va dal 15 al 20 percento. “In questi settori le aziende lottano da mesi contro gravi difficoltà”, sintetizza il presidente dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige Philipp Moser riassumendo la situazione. I motivi sono molteplici. “Negli ultimi due anni il comportamento d’acquisto è cambiato moltissimo. I consumatori locali si sono allontanati, non frequentano più i negozi locali come prima, comprano meno o trasferiscono i propri acquisti in rete, sulle grandi piattaforme online”, spiega Moser. Oltre a questo, per lungo tempo è mancata la clientela formata da ospiti e turisti, e comunque sono mutate anche le loro abitudini d’acquisto.

Un altro problema è il massiccio rincaro delle materie prime e del costo dell’energia. “E soprattutto il settore degli articoli sportivi deve lottare contro serie difficoltà nelle forniture. Alcune merci semplicemente non vengono più fornite”, sottolinea il presidente dell’Unione.

Cosa fare, quindi? “Due cose sono decisive: da un lato le aziende devono investire nella propria digitalizzazione, così da essere presenti sul mercato ed essere trovare più facilmente. Dall’altro lato bisogna anche investire nello sviluppo urbano”, elenca Moser. Nonostante tutta la digitalizzazione, infatti, i paesi e le città dell’Alto Adige vivono della loro attrattività e vitalità e delle relative frequenze delle persone che vi si muovono e vi si intrattengono.

Pericolo inflazione


Un ultimo appello viene infine rivolto dall’Unione alla politica: “Deve essere fatto tutto il possibile per diminuire l’attuale inflazione – con l’obiettivo di rafforzare il potere d’acquisto. Altrimenti il problema diventerà un pericolo ancor più grave per noi tutti”, sottolinea il presidente dell’Unione.
 
Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

01/07/2022

L’Unione collabora con la scuola alberghiera “Cesare Ritz” di Merano

My Way è l’iniziativa dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige pensata per aiutare i giovani a trovare la propria strada nel mondo del lavoro. Il progetto comprende anche una vasta campagna ...
 
 

28/06/2022

Assemblea generale dell’Associazione Mediatori Alto Adige

Attualmente sono 376 le aziende altoatesine con attività di mediazione iscritte nel registro delle imprese. Di recente, presso la sede principale dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige a Bolzano, si è tenuta l’assemblea generale ...
 
 

23/06/2022

Premiati i vincitori a Chiusa

Dal 7 maggio all’11 giugno 2022, il direttivo comunale dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige di Chiusa ha organizzato la prima edizione del concorso a premi “Chiusa piace!”, cui hanno preso parte 41 aziende locali. Di ...
 
 

15/06/2022

L’Unione cresce e allarga il proprio raggio d’azione

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige è stata fondata nel lontano 1946 dal settore del commercio al dettaglio e nei suoi ormai 76 anni ha vissuto una cresciuta continua: vi si sono infatti aggiunti numerosi ...
 
 
 
Richiedi un preventivo