04/05/2022

Il settore della moda e dell’abbigliamento in Alto Adige affronta gravi difficoltà

Presidente Moser: “Digitalizzare le aziende e incrementare le frequenze!”

I numeri parlano da soli: a confronto con l’anno pre-pandemico 2019, il settore della moda e dell’abbigliamento nel commercio al dettaglio nei paesi dell’Alto Adige segna un calo di fatturato di circa il 30 percento, mentre nelle aree cittadine il calo va dal 15 al 20 percento. “In questi settori le aziende lottano da mesi contro gravi difficoltà”, sintetizza il presidente dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige Philipp Moser riassumendo la situazione. I motivi sono molteplici. “Negli ultimi due anni il comportamento d’acquisto è cambiato moltissimo. I consumatori locali si sono allontanati, non frequentano più i negozi locali come prima, comprano meno o trasferiscono i propri acquisti in rete, sulle grandi piattaforme online”, spiega Moser. Oltre a questo, per lungo tempo è mancata la clientela formata da ospiti e turisti, e comunque sono mutate anche le loro abitudini d’acquisto.

Un altro problema è il massiccio rincaro delle materie prime e del costo dell’energia. “E soprattutto il settore degli articoli sportivi deve lottare contro serie difficoltà nelle forniture. Alcune merci semplicemente non vengono più fornite”, sottolinea il presidente dell’Unione.

Cosa fare, quindi? “Due cose sono decisive: da un lato le aziende devono investire nella propria digitalizzazione, così da essere presenti sul mercato ed essere trovare più facilmente. Dall’altro lato bisogna anche investire nello sviluppo urbano”, elenca Moser. Nonostante tutta la digitalizzazione, infatti, i paesi e le città dell’Alto Adige vivono della loro attrattività e vitalità e delle relative frequenze delle persone che vi si muovono e vi si intrattengono.

Pericolo inflazione


Un ultimo appello viene infine rivolto dall’Unione alla politica: “Deve essere fatto tutto il possibile per diminuire l’attuale inflazione – con l’obiettivo di rafforzare il potere d’acquisto. Altrimenti il problema diventerà un pericolo ancor più grave per noi tutti”, sottolinea il presidente dell’Unione.
 
Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

05/12/2022

Orari di apertura nel commercio: “Serve una regolamentazione autonoma per l'Alto Adige!”

Il settore del commercio al dettaglio sta attraversando tempi turbolenti e impegnativi sotto molti punti di vista. Ne sono un esempio citato dall’Unione l'esplosione dei costi energetici, l'inflazione elevata e la carenza di ...
 
 

01/12/2022

“Le iniziative natalizie creano una bella atmosfera!”

“Nonostante le molte sfide cui sono sottoposte economia e società in questo periodo storico, gli imprenditori guardano al vicino futuro con un leggero ottimismo”, assicura Christian Giuliani, presidente del mandamento Bolzano ...
 
 

28/11/2022

I clienti possono continuare a pagare i dispositivi medici in contanti

Gli ottici-optometristi nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige hanno recentemente fatto chiarezza su un aspetto molto importante per i clienti: questi ultimi avranno ancora la possibilità di continuare a pagare in contanti i dispositivi ...
 
 

24/11/2022

Nuovo direttivo per i liberi distributori

Walter Gasser (Mebo Sud), Richard Kompatscher (Mebo Rast), Theodor Lanthaler (EUM) e Haimo Staffler (Multi Energy) sono i componenti del nuovo direttivo dei liberi distributori nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ...
 
 
 
Contattaci