03/11/2020

Contratto di agenzia, l’indennità di risoluzione

In caso di risoluzione del contratto, all’agente di commercio spetta, da parte della ditta mandante, una forma di indennità – sia in caso di contratto a tempo indeterminato sia determinato. Tale indennità è regolamentata differentemente dal Codice Civile ovvero dagli accordi collettivi, con gli accordi collettivi che trovano applicazione esclusivamente se stabilito in sede contrattuale.
Secondo gli accordi collettivi (settore commercio e industria), l’indennità si compone dei seguenti elementi:
  • indennità di risoluzione contrattuale (Firr);
  • indennità supplementare per il portafoglio clienti;
  • indennità meritocratica.
L’indennità di risoluzione contrattuale (Firr) è dovuta all’agente in qualsiasi caso. L’indennità supplementare per il portafoglio clienti nonché l’indennità meritocratica possono essere richieste e ottenute solo in presenza di determinati requisiti.
L’ammontare delle indennità effettivamente dovute si ricava da un conteggio basato sulle provvigioni annue dell’intero rapporto contrattuale.

Agli agenti e rappresentanti di commercio la consulenza legale offre un servizio di consulenza individuale sul tema nonché il conteggio delle indennità dovute.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Lisa Baumgartner

Consulenza legale
Collaboratrice
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 423
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/12/2023

Buoni regalo: una guida chiara e semplice!

Il nuovo anno inizia spesso con una montagna di buoni regalo. E con essi tutta una serie di domande e incertezze. Cosa succede se il buono regalo scade prima di essere utilizzato? Chi può utilizzarlo? E che dire di cambi e rimborsi? Gli esperti di ...
 
 

21/11/2023

Mai più senza

Iniziative per il Black Friday e il periodo di Natale fanno sorgere spesso domande su garanzie e cambio merce. Ma anche per le lunghe telefonate degli operatori telefonici e le fatture aperte dei clienti sarebbe utile essere affiancati da un ...
 
 

09/10/2023

Whistleblowing: si avvicina il termine per l'adeguamento

Le aziende del settore privato con più di 50 dipendenti sono obbligate ad adeguarsi alla normativa prevista. Le aziende fino a 249 dipendenti hanno ancora tempo fino al 17 dicembre 2023; per le aziende più grandi, il termine per ...
 
 

26/09/2023

Videosorveglianza in azienda: come funziona?

Chi viene videosorvegliato va informato su modalità, finalità e tempistiche del trattamento dei dati. Le informazioni vanno esposte su appositi cartelli nei pressi dell’area videosorvegliata e devono risultare dall’informativa sulla privacy.
 
 
 
Contattaci