12/04/2021

Attenzione alla vendita di dispositivi medici e di protezione

A causa dell’attuale situazione provocata dal Covid-19 alcune imprese stanno provando ad inserirsi nel settore della vendita di dispositivi medici e di protezione. Tuttavia, nella vendita e nel commercio di queste categorie di prodotti è richiesta la massima attenzione dato che valgono regole specifiche. Nel caso di infrazione le sanzioni amministrative sono elevate.

Nella distribuzione di prodotti medicali e dispositivi di protezione vanno osservate norme speciali. Ad esempio, in Italia va sempre apposta una descrizione in italiano sulla confezione del prodotto o nel foglietto illustrativo, altrimenti si può incorrere in una sanzione amministrativa tra 500 e 3.000 euro. Sono previste sanzioni particolarmente elevate fino a 128.400 euro per la vendita di prodotti che non presentano la corretta marcatura CE o la dichiarazione di conformità. Ciò non vale solo per i produttori ma anche per chi commercia questi prodotti.

Sono già state emesse sanzioni amministrative ai danni di aziende altoatesine, ad esempio per la vendita di alcuni termometri elettronici, che sono considerati dispositivi medici e per questo devono presentare la marcatura CE e le informazioni sul prodotto in lingua italiana.

“La Camera di commercio consiglia quindi alle aziende di confrontarsi preventivamente in modo attento con le disposizioni legislative previste per la vendita di dispositivi medici o di protezione”, informa Alfred Aberer, Segretario generale della Camera di commercio di Bolzano. Per dispositivi medici si intendono prodotti che servono per l’identificazione, il controllo, la cura o il lenimento di malattie o lesioni. Il test rapido dell’antigene è, ad esempio, un dispositivo medico.

I dispositivi di protezione vengono invece concepiti e prodotti per essere indossati o utilizzati da una persona come protezione da uno o più rischi per la propria salute o sicurezza. Tra questi rientra, per esempio, la mascherina.
Il servizio Sicurezza prodotti della Camera di commercio è a disposizione gratuitamente nel caso di eventuali domande su questo tema.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al servizio Sicurezza prodotti della Camera di commercio di Bolzano, persone di riferimento Greta Crepaz e Lukas Pichler, tel. 0471 945 660 - 698, sicurezzaprodotti@camcom.bz.it
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/06/2022

HACCP, intensificati i controlli

Nel corso delle ultime settimane, numerose aziende hanno registrato un deciso incremento dei controlli in materia di igiene e HACCP da parte delle competenti autorità sanitarie. L'Unione Cooperativa servizi assiste i propri associati ...
 
 

26/04/2022

Scade la comunicazione annuale RAEE/AEE

La quantità di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE/AEE)va comunicata allo Stato entro il 21 maggio 2022.

La comunicazione annuale va inviata in via telematica (
 
 

12/04/2022

In scadenza la dichiarazione MUD

Le imprese che producono rifiuti pericolosi speciali hanno l’obbligo di presentare la dichiarazione annuale dei rifiuti MUD. Il termine per la presentazione è il 21 maggio 2022.

L’obbligo della dichiarazione MUD ...
 
 

31/03/2022

Albo gestori ambientali: dovuta la tassa annuale

Entro il 30 aprile, le aziende sono obbligate a pagare la tassa annuale dell’Albo gestori ambientali. Questo vale per coloro che sono registrati. Per le aziende che vendono apparecchi elettrici, la registrazione è necessaria a causa dell'obbligo di ...
 
 
 
Richiedi un preventivo