25/03/2022

Cultura, grande valore per l’economia altoatesina

La cultura e l’arte sono essenziali per la natura sociale e creativa dell’essere umano e ricoprono un ruolo altrettanto rilevante nello sviluppo sociale delle regioni. Inoltre, la cultura assume una grande importanza economica, come conferma l’analisi dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. Il rapporto dell’IRE fornisce una panoramica sul sistema produttivo culturale e creativo altoatesino e analizza, per la prima volta, gli effetti sull’economia locale della spesa culturale pubblica della Provincia autonoma di Bolzano.

Il sistema produttivo culturale e creativo include gli ambiti dell’economia strettamente legati all’arte e alla cultura come, ad esempio, le performing arts e le arti visive, la musica, l’architettura e il design, ma anche altri settori “creativi”, come quello audiovisivo o il settore dei software e della comunicazione. Con un valore aggiunto di 1,05 miliardi di euro e 16.677 occupati nel 2019, il sistema produttivo culturale e creativo rappresenta una componente significativa dell’economia locale e contribuisce al 4,6 percento del valore aggiunto totale e al 5,6 percento dell’occupazione totale in Alto Adige. Se si rapporta il valore aggiunto al numero di abitanti, l’Alto Adige si attesta chiaramente sopra la media italiana e al terzo posto, dopo il Lazio e la Lombardia, nella graduatoria sul valore aggiunto.

La spesa culturale pubblica della Provincia autonoma di Bolzano è costituita dalle spese delle tre ripartizioni culturali dell’amministrazione provinciale altoatesina e degli uffici a esse collegati, del settore museale, nonché di tutte le organizzazioni culturali sostenute finanziariamente dalla Provincia. Nel periodo 2016-2018 tali spese ammontavano in media a 147,7 milioni di euro annui e generavano un valore aggiunto lordo annuale di 161,2 milioni di euro.

La spesa culturale pubblica della Provincia non va solo a beneficio del settore “attività artistiche, intrattenimento e divertimento” (effetto medio annuo di valore aggiunto: 48,0 Mio euro), ma anche di altri settori come le attività immobiliari (20,6 Mio euro), le attività professionali, scientifiche e tecniche (16,5 Mio euro), il commercio (15,6 Mio euro) o l’amministrazione pubblica (14,0 Mio euro). A ciò si aggiunge un effetto sull’occupazione pari a 1.552 unità di lavoro a tempo pieno che è equamente distribuito tra entrambi i sessi e tutti i livelli d’istruzione.

Il rapporto 1.22 dell’IRE “L’importanza economica della cultura in Alto Adige” può essere scaricato tra i download.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

05/08/2022

Sostenibilità: nel 2021 l’impronta CO2 di Amazon è salita del 18 percento

In questi giorni Amazon ha pubblicato il suo rapporto sulla sostenibilità. “Dal documento si evince che, durante la sua attività nel 2021, il gigante online ha prodotto l’equivalente di 71,54 milioni di anidride carbonica, pari al ...
 
 

05/07/2022

In Alto Adige non è estate senza lo shopping serale in paesi e città

Diventate ormai parte integrante del programma estivo dell’Alto Adige, negli anni passati le serate di shopping, con il loro vario programma di contorno, hanno animato i 30 centri urbani dell’Alto Adige. “Si è trattato sempre di ...
 
 

23/06/2022

Imprendigreen conquista spazio

La qualificazione e il rafforzamento dell’impegno ambientale delle aziende del commercio, della gastronomia e dei servizi tramite la valorizzazione e il sostegno di comportamenti ecocompatibili: questo è l’obiettivo dell’iniziativa ideata ...
 
 

23/06/2022

Premiati i vincitori a Chiusa

Dal 7 maggio all’11 giugno 2022, il direttivo comunale dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige di Chiusa ha organizzato la prima edizione del concorso a premi “Chiusa piace!”, cui hanno preso parte 41 aziende locali. Di ...
 
 
 
Richiedi un preventivo