20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

L’Unione: speranza dopo un incontro con l’assessore provinciale Achammer

L’assessore provinciale Philipp Achammer con il responsabile d’ufficio Armin Gatterer e i rappresentanti dei gestori di centri fitness nell’Unione Armin Bonamico e Andy Amplatz.
Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto Adige, le regole di accesso a palestre e centri fitness sono molto più rigide che nel resto d’Italia, prevedendo per esempio l’obbligo di test per accedere alle strutture.

“Perché dobbiamo sottostare a regole diverse? I clienti dei centri fitness sul resto del territorio nazionale non devono esibire il Green Pass – solo in Alto Adige non si transige da quest’obbligo”, afferma deluso il portavoce dei gestori di centri fitness nell’Unione Armin Bonamico. “Dopo otto mesi di lockdown abbiamo potuto riaprire da sei settimane, ma i nostri centri sportivi restano vuoti. Il nostro settore richiede con urgenza regole eque e ragionevoli!”

Sempre piè clienti chiedono il rimborso dei propri abbonamenti, e le casse dei gestori di centri fitness restano vuote. Molti collaboratori sono costretti a rimanere ancora in cassa integrazione. La situazione attuale sta inoltre diventando una questione meramente politica: “I clienti restii a farsi vaccinare non si sottopongono più nemmeno ai test, perché questi sono ottenibili solo a pagamento. E ciò non va certo a beneficio della collettività”, aggiunge Bonamico. “In estate il giro d’affari delle palestre e dei centri fitness cala del 50 percento per motivi stagionali: in questo momento le nostre attività sono quasi del tutto prive di clienti. Mentre i colleghi nelle altre regioni italiane – dove non c’è obbligo di Pass – riferiscono di una buona ripresa”.

Ora i gestori di centri fitness dell’Alto Adige sperano nella considerazione della Giunta provinciale: la gravità della situazione nella quale versano le aziende è stata discussa la scorsa settimana con l’assessore provinciale all’economia Philipp Achammer, il quale sottoporrà ora le preoccupazioni degli imprenditori alla Giunta provinciale.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/07/2022

“Sfruttare le sinergie e far crescere l’Alto Adige come location cinematografica”

I produttori cinematografici dell’Alto Adige si sono dati degli obiettivi comuni e hanno quindi deciso di dare vita a una specifica categoria professionale in seno all’Unione commercio turismo servizi Alto Adige. La rappresentanza di interessi ...
 
 

22/07/2022

“Trovate il coraggio di diventare imprenditori!”

Per promuovere l'imprenditoria giovanile in Alto Adige, l'Unione ha organizzato per la prima volta quest’anno, questa settimana, un evento speciale sul tema dell'imprenditoria dedicato ai giovani. In ognuna delle tre diverse serate, presso la sede ...
 
 

19/07/2022

Programmare in giallo blu

Vladislav, Maksym, Yana, Dariia, Nikita e Ihor: questi i nomi dei sei giovani ucraini per i quali Coding4Kids ha organizzato a Bressanone una settimana di programmazione in lingua ucraina. Poche settimane prima dell'inizio del programma estivo di ...
 
 

18/07/2022

La gastronomia chiede la riduzione delle commissioni per i buoni pasto

All'interno dell'Unione commercio turismo servizi Alto Adige si è formata la categoria della gastronomia. L’Unione è stata fondata nel lontano 1946 dal settore del commercio al dettaglio e nei suoi ormai 76 anni ha vissuto una ...
 
 
 
Richiedi un preventivo