02/07/2021

Rabbia dei gestori di centri fitness: “20 percento di clienti in meno"

L’Unione: le stesse regole che nel resto d’Italia

Il Covid-19 ha colpito con estrema durezza i centri fitness. “Dopo otto mesi di lockdown abbiamo riaperto per quattro settimane. E il primo bilancio è desolante: mentre tutti i settori più colpiti dalla pandemia sono finalmente in grado di riprendersi economicamente, noi siamo costretti a guardare”, afferma deluso Armin Bonamico, portavoce dei gestori di centri fitness nell’Unione.

A irritare è soprattutto il fatto che, in Alto Adige, le regole di accesso ai centri fitness sono molto più severe rispetto al resto d’Italia. Per esempio l’obbligo di test per la frequenza di un centro fitness. “Solo per colpa di questa imposizione abbiamo perso finora il 20 percento circa dei nostri clienti, che preferiscono evitare di frequentare il centro fitness per non doversi sottoporre al test”, sottolinea Bonamico. A ciò si aggiunge anche il fatto che, con l’attuale Allegato A, sono state inasprite anche le norme relative al distanziamento. “Non riusciamo assolutamente a capire questa inaccettabile disparità di trattamento”, aggiunge il presidente dell’Unione Philipp Moser.

“In estate, a causa della stagione, che invita all’attività fisica all’aperto, il giro di affari dei centri fitness e benessere cala drasticamente, di una percentuale pari al 50 percento circa, tanto che, in questo periodo, la gestione dell’attività procede ovviamente sotto il punto di guadagno. In questi giorni le nostre aziende sono praticamente vuote! Mentre i colleghi gestori di altre regioni d’Italia, dove non vige l’obbligo di pass – riferiscono di una buona ripresa, soprattutto per merito dei clienti più giovani”, racconta Bonamico.

“Abbiamo sostenuto il progetto Green Pass fin dall’inizio, almeno finché era un modello per tutta l’economia. Ma se deve essere obbligatorio solo per noi, allora è ovvio che le persone rinuncino volentieri a venire in palestra. Per tutti gli altri settori la ripresa economica è già ben avviata, mentre i centri fitness e benessere la situazione rimane fosca, soprattutto in vista dell’autunno. Qualcosa deve cambiare assolutamente!”, auspica Bonamico.

“Nel nostro settore la situazione rimane drammatica”, sintetizza il portavoce dei gestori di centri fitness nell’Unione Armin Bonamico. “Abbiamo bisogno che, anche a questo importante settore dei servizi, si diano finalmente prospettive concrete”, conclude il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
Armin Bonamico, Sprecher der Fitnessstudio-Betreiber im hds.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/07/2022

“Sfruttare le sinergie e far crescere l’Alto Adige come location cinematografica”

I produttori cinematografici dell’Alto Adige si sono dati degli obiettivi comuni e hanno quindi deciso di dare vita a una specifica categoria professionale in seno all’Unione commercio turismo servizi Alto Adige. La rappresentanza di interessi ...
 
 

22/07/2022

“Trovate il coraggio di diventare imprenditori!”

Per promuovere l'imprenditoria giovanile in Alto Adige, l'Unione ha organizzato per la prima volta quest’anno, questa settimana, un evento speciale sul tema dell'imprenditoria dedicato ai giovani. In ognuna delle tre diverse serate, presso la sede ...
 
 

19/07/2022

Programmare in giallo blu

Vladislav, Maksym, Yana, Dariia, Nikita e Ihor: questi i nomi dei sei giovani ucraini per i quali Coding4Kids ha organizzato a Bressanone una settimana di programmazione in lingua ucraina. Poche settimane prima dell'inizio del programma estivo di ...
 
 

18/07/2022

La gastronomia chiede la riduzione delle commissioni per i buoni pasto

All'interno dell'Unione commercio turismo servizi Alto Adige si è formata la categoria della gastronomia. L’Unione è stata fondata nel lontano 1946 dal settore del commercio al dettaglio e nei suoi ormai 76 anni ha vissuto una ...
 
 
 
Richiedi un preventivo