10/11/2022

IMU, esenti i coniugi che risiedono in case diverse

La Corte costituzionale, con la sentenza 209/2022, ha giudicato illegittima la norma contenuta nella legge istitutiva dell’IMU che vieta a due coniugi di fruire dell’esenzione IMU su entrambe le abitazioni quando ognuno dei due possegga un alloggio dove risiede e dove ha dimora abituale. Per qualsiasi possessore di immobili, quindi, è possibile fruire dell’esenzione IMU a patto di avere residenza anagrafica e dimora abituale nella casa, anche se il convivente o coniuge ha residenza e dimora in un’altra abitazione, anche se nello stesso Comune.

La sentenza, tuttavia, non influisce sull’obbligo di versare l’IMU per le seconde case; l’IMU resta dovuta se non è possibile stabilire con certezza che in una delle due case un coniuge abbia realmente residenza e dimora abituale (a tal fine possono ad esempio essere utilizzate le spese sostenute relative alle utenze).

Le norme dichiarate “illegittime” cessano di avere efficacia dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione stessa: quanto deciso con la sentenza richiamata ha quindi effetti a partire dall'anno 2022. Di conseguenza, ai fini del pagamento del saldo 2022, tali modifiche potranno riflettersi anche sul calcolo dell'imposta dovuta per il secondo semestre anche conguagliando quanto versato in sede di acconto.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Andrea Pircher

Dottore commercialista
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

31/01/2023

Regime forfettario, requisiti

Con l’inizio dell’anno, e a seguito delle recenti novità introdotte, è consigliabile verificare i requisiti che consentono di mantenere il regime forfettario anche nell’anno di imposta 2023 o di accedervi per la prima volta. Possono accedere al ...
 
 

31/01/2023

Scadenziario febbraio 2023

I titolari di partita IVA hanno l’obbligo di presentare il modello F24 esclusivamente con modalità telematiche; per soggetti privati è possibile presentare il modello F24 in forma cartacea solo se non sono presenti compensazioni.
 
 

25/01/2023

Tasso di interesse legale al 5% dal 2023

Dal 1° gennaio 2023, il tasso di interesse legale viene innalzato dall’1,25% (attuale) al 5%. La modifica ha effetti anche sul piano fiscale e contributivo, in particolare la modifica interessa:
 
 

24/01/2023

Regime forfetario e obbligo fattura elettronica

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’obbligo di fatturazione elettronica per i contribuenti in regime forfettario è entrato in vigore il 1° luglio 2022 solo per i contribuenti che nell'anno 2021 hanno conseguito ricavi o compensi, ragguagliati ...
 
 
 
Contattaci