13/02/2024

“Bonus ristoranti 2022”: click day dal 1° marzo

Il “bonus ristoranti” prevede un contributo a fondo perduto destinato a sostenere la ripresa del settore della ristorazione. L’agevolazione è destinata a ristoranti, pasticcerie e gelaterie e prevede un rimborso fino al 70% delle spese agevolabili sostenute dopo la presentazione delle domande entro il limite di 30.000 euro. La domanda di partecipazione al bando può essere presentata a partire dalle ore 10:00 del 1° marzo 2024 alle ore 10:00 del 30 aprile 2024 utilizzando la piattaforma messa a disposizione dal soggetto gestore www.invitalia.it. Il contributo è concesso, tenuto conto dell’ordine cronologico di presentazione delle domande, entro 90 giorni dalla data di chiusura del bando.

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal presente bando le imprese:
  • operanti nel settore identificato dal codice ATECO 56.10.11: devono essere regolarmente costituite ed iscritte come attive nel Registro delle imprese da almeno 10 anni alla data di pubblicazione del DM relativo oppure abbiano acquistato nei dodici mesi precedenti la data del medesimo DM prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il 25% del totale dei prodotti alimentari acquistati nello stesso periodo;


  • operanti nel settore identificato dal codice ATECO 56.10.30 e dal codice ATECO 10.71.20: devono essere regolarmente costituite ed iscritte come attive nel Registro delle imprese da almeno 10 anni alla data di pubblicazione del DM relativo oppure abbiano acquistato nei dodici mesi precedenti la data del medesimo DM prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il 5% del totale dei prodotti alimentari acquistati nello stesso periodo;


  • siano nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non si trovano in stato di liquidazione volontaria o giudiziale, non siano in situazioni di difficoltà, abbiano DURC regolare.

Sono agevolabili gli investimenti realizzati per macchinari professionali (nuovi) e beni strumentali all’attività d’impresa. I beni strumentali acquistati, inoltre, devono essere mantenuti nello stato patrimoniale dell’impresa per almeno 3 anni dalla data di concessione del contributo. I pagamenti devono essere effettuati esclusivamente attraverso conti correnti dedicati, che siano intestati all’impresa, e con modalità che consentano la piena tracciabilità del pagamento.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

17/04/2024

Credito di imposta Transizione 5.0

Un recente decreto-legge introduce il nuovo credito d’imposta “transizione 5.0” che prevede un credito di imposta fino al 45% per le aziende che investono nella doppia transizione ecologica e digitale. L’agevolazione consiste in un credito di ...
 
 

15/04/2024

Comunicazione delle operazioni legate al turismo

In deroga al limite dell'uso del contante, i commercianti al dettaglio e le agenzie di viaggio possono incassare in contanti gli acquisti effettuati da turisti stranieri non residenti in Italia entro il limite di 15mila euro. In particolare, ...
 
 

12/04/2024

Agenti di assicurazione: la ritenuta per le provvigioni percepite parte con aprile

La legge di Bilancio 2024 ha previsto l’abrogazione dell’esonero dalla ritenuta d’acconto sulle provvigioni percepite dagli agenti e dai mediatori di assicurazione per le prestazioni rese alla compagnia assicurativa. La disposizione si applica a ...
 
 

10/04/2024

Nomina organo di controllo Srl con approvazione del bilancio

Il codice della crisi ha modificato i limiti per l'obbligo nelle Srl della nomina dell'organo di controllo o del revisore. Le società a responsabilità limitata possono scegliere di nominare il sindaco o il revisore unico, valutando le differenze ...
 
 
 
Contattaci