14/09/2022

Autotrasportatori: credito di imposta gli aumenti del carburante

Per contenere gli effetti economici derivanti dall'aumento del prezzo del gasolio per le imprese di trasporto merci con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 t, iscritte nell'Albo degli autotrasportatori, viene riconosciuto un contributo straordinario, sotto forma di credito d'imposta, pari al 28% della spesa sostenuta al netto dell’IVA nel primo trimestre 2022 per acquisti di gasolio. L'agevolazione spetta per il gasolio acquistato (con fattura) per rifornire veicoli di categoria Euro 5 o superiore utilizzati per l'esercizio dell'attività.

Il credito di imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione nel mod. F24 e non è tassato ai fini IRPEF / IRES / IRAP. È inoltre cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito / base imponibile IRAP, non porti al superamento del costo.

La domanda per accedere all’agevolazione deve essere presentata attraverso un’apposita piattaforma predisposta dall’Agenzia delle dogane e dei Monopoli, ancora da pubblicare. La procedura prevede un click day; secondo il ministero l’importo stanziato è capiente per tutti gli aventi diritto. Nella domanda on line è prevista la compilazione di un file excel contenente i dati dell’impresa, il codice ATECO, l’elenco delle fatture nonché eventuali particolarità di specifica pertinenza dell’impresa, come ad esempio, l’identificativo di eventuali contratti di noleggio del veicolo senza conducente e le corrispondenti targhe.

Si consiglia di predisporre il prima possibile l’elenco delle fatture relative all’acquisto di gasolio sostenuto nel primo trimestre 2022 (per l’intero periodo 1° gennaio – 31 marzo), avendo cura di quantificare per ognuna di esse la spesa sostenuta al netto dell’IVA, determinare il totale relativo al primo trimestre 2022 ed evidenziare escludendoli eventuali quantitativi di cui hanno usufruito mezzi che non hanno titolo al beneficio, annotando le relative targhe.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/06/2024

Bilanci degli ETS, deposito entro giugno

Entro il 30 giugno 2024 gli enti del terzo settore devono depositare il bilancio dell’anno 2023 all’interno della piattaforma RUNTS, unitamente al verbale di approvazione da parte dell’assemblea dei soci (convocata nei termini previsti dallo ...
 
 

17/06/2024

In arrivo lettere di compliance per aiuti di stato 2020

L’Agenzia delle Entrate sta inviando specifiche comunicazioni dedicate alle anomalie riscontrate alla mancata registrazione degli aiuti di Stato / “de minimis” nei registri RNA, SIAN, SIPA a seguito dell’indicazione, nel prospetto “Aiuti di Stato” ...
 
 

12/06/2024

Definizione agevolata dei PVC

Il contribuente che riceve un processo verbale di constatazione (“PVC”) può scegliere di definire le violazioni accertate con sanzioni particolarmente ridotte, secondo quanto previsto della riforma dell’accertamento (Dlgs n. 13/2024). La novità si ...
 
 

11/06/2024

Cedolare secca per l’immobile abitativo locato ad una impresa

Per la Cassazione il locatore persona fisica "privato" può optare per l'applicazione della "cedolare secca" anche per i contratti di locazione di immobili abitativi stipulati con imprese, sempreché sia rispettata la destinazione ad uso abitativo ...
 
 
 
Contattaci