23/04/2024

Consultazione e-fatture senza esplicita adesione

Dal 20 marzo è possibile per i contribuenti consultare ed acquisire le proprie fatture elettroniche tramite la funzionalità disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate senza più dovere aderire espressamente al servizio fornito dalle Entrate.

Con questo provvedimento è quindi possibile per titolari di partita IVA e persone fisiche avvalersi del servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche e dei loro duplicati informatici più agevolmente, senza la necessità di sottoscrivere un accordo di servizio. Le fatture elettroniche sono disponibili in consultazione fino al 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di ricezione da parte del Sistema di Interscambio.
Anche ai consumatori finali, come già avviene per le partite IVA, sono messi a disposizione in consultazione i “dati fattura” (ossia un riepilogo dei dati fiscalmente rilevanti della fattura, ad eccezione di quelli relativi a natura, qualità e quantità dei beni/servizi) fino al 31 dicembre dell'ottavo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione di riferimento.

È previsto inoltre che:
  • anche i soggetti diversi dalle persone fisiche privi di partita IVA (condomini / enti / associazioni con il solo codice fiscale) potranno registrare il codice identificativo SdI (o PEC) per il recapito delle relative fatture elettroniche;
  • nelle fatture in cui l'acquirente / committente è un contribuente minimo / forfetario / produttore agricolo in regime IVA speciale non è più possibile compilare la fattura elettronica indicando "0000000" quale codice destinatario. Tali soggetti sono tenuti a dotarsi di un codice destinatario (o PEC) per il recapito delle fatture elettroniche.
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/05/2024

Tardiva comunicazione ENEA e fruizione dell’ecobonus

La Cassazione ha chiarito che l’omessa/tardiva comunicazione all’ENEA (rispetto ai 90 giorni previsti) non determina la decadenza dall’agevolazione, rilevando che la norma che ha previsto l’obbligo di trasmissione della comunicazione all’ENEA ...
 
 

17/05/2024

Adeguamento statuti ASD e SSD

Entro il 30 giugno 2024 le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) e le Società Sportive Dilettantistiche (SSD) hanno l’obbligo di adeguare il proprio Statuto sociale secondo la normativa prevista dal D.Lgs 36/2021. Le ASD/SSD che non ...
 
 

14/05/2024

Definito il “regime premiale” degli ISA

Con un recente provvedimento è stato definito il regime premiale per i contribuenti soggetti a ISA per l’anno 2023 (modello redditi 2024) che presentano elevati profili di affidabilità. 

 
 

09/05/2024

Dl Salva Conti, proroga per il ravvedimento speciale

Il ravvedimento speciale è stato esteso alle violazioni riguardanti le dichiarazioni validamente presentate relative all’anno di imposta 2022 e prorogato al 31 maggio 2024 il termine entro il quale rimuovere l’irregolarità / omissione. Lo stesso ...
 
 
 
Contattaci