31/08/2022

Nuove regole per il congedo parentale e di paternità

Recentemente sono state introdotte importanti novità per il congedo parentale e di paternità per migliorare la conciliazione tra famiglia e lavoro. A partire da due mesi prima della data di nascita presunta ed entro i cinque mesi successivi, i padri lavoratori possono usufruire di un congedo di paternità di dieci giorni lavorativi. Il monte giorni non è divisibile in ore e può essere utilizzato anche senza interruzioni. La durata aumenta a 20 giorni lavorativi in caso di parto plurimo.

Il congedo parentale è ora esteso fino ai 12 anni di ciascun figlio. Ciascun genitore che lavora potrà richiedere, per un totale di tre mesi, un’indennità pari al 30 percento della retribuzione (a carico dell‘INPS).
Altri tre mesi con la stessa indennità sono concessi a uno dei genitori a turno. Ciò significa che la coppia di genitori può usufruire di un totale di nove mesi di congedo parentale.

In sintesi vale:
  • alla madre spetta un periodo indennizzabile di 3 mesi, non trasferibili all’altro genitore;
  • al padre spetta un periodo indennizzabile di 3 mesi, non trasferibili all’altro genitore;
  • entrambi i genitori hanno altresì diritto, in alternativa tra loro, a un ulteriore periodo indennizzabile della durata complessiva di 3 mesi, per un periodo massimo complessivo indennizzabile tra i genitori di 9 mesi (e non più 6 mesi).
  • Al genitore solo, sono riconosciuti 11 mesi continuativi o frazionati, di congedo parentale, di cui 9 mesi (e non più 6 mesi) sono indennizzabili al 30% della retribuzione.

Per quanto riguarda il congedo parentale di cui gode il padre, facciamo anche riferimento al beneficio dell'EbK nel commercio. Per poterne usufruire, è necessario il corretto pagamento della quota associativa all'EbK e del contributo Ascom/Co.ve.l.co da almeno 6 mesi.
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Lydia Salamon

Paghe e diritto del lavoro
Capoarea CAE e consulente del lavoro
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 320
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/01/2024

Aumenta l’indennità di congedo parentale

Già nell’ anno precedente, l'indennità di congedo parentale per un mese è stata aumentata dal 30% all'80% della retribuzione (per coloro che terminavano la maternità/paternità dopo il 31 dicembre 2022).
L'attuale legge di bilancio aggiunge ora ...
 
 

19/01/2024

Modifiche all’IRPEF per il 2024

Il DL n. 216/2023 dispone l’attuazione del “primo modulo” della Riforma fiscale e disciplina la revisione dell’IRPEF e delle detrazioni fiscali: il decreto prevede per l’anno di imposta 2024 la riduzione degli scaglioni di reddito (da 4 a 3) e delle ...
 
 

18/01/2024

Esonero contributi previdenziali per lavoratici madri

Per i periodi di paga dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026 alle lavoratrici madri di tre o più figli con rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, è riconosciuto un esonero del 100% della quota dei contributi ...
 
 

12/01/2024

Esonero parziale dai contributi previdenziali a carico dei lavoratori dipendenti

Per i periodi di paga dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024 è reintrodotto un esonero sulla quota dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori dipendenti pubblici e privati, esclusi i lavoratori domestici. È bene ricordare che tale esenzione ...
 
 
 
Contattaci