25/01/2024

Prestazioni sanitarie a privati: divieto di fatturazione elettronica

Prorogato anche al 2024 il divieto per gli operatori sanitari di emettere fatture elettroniche per le prestazioni sanitarie rese a persone fisiche (soggetti privati); per tali prestazioni devono essere emesse le fatture in formato cartaceo e i dati comunicati ove previsto al sistema “tessera sanitaria” (Sistema TS). Il divieto vale solo per le operazioni verso privati (“B2C”). Le prestazioni sanitarie il cui committente è un titolare di partita IVA (“B2B”) devono essere documentate da fattura elettronica.

Prevista dal 2024 la cadenza semestrale di invio dei dati relativi alle spese sanitarie al Sistema TS. I termini esatti per la trasmissione dei dati saranno fissati da un successivo decreto del Ministero dell’economia e delle finanze.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/02/2024

Criteri dimensionali delle imprese e novità Enasarco

Un recente direttiva UE, aggiorna i criteri dimensionali applicabili alle microimprese e alle imprese di diverse dimensioni, comprese le piccole, medie e grandi imprese. I nuovi limiti dipendono dallo stato patrimoniale, i ricavi e il numero dei ...
 
 

19/02/2024

Fatture anno precedente e detrazione IVA

Per le operazioni effettuate nell'ultima parte dell'anno con fattura ricevuta nell'anno successivo, come negli anni scorsi, operano le limitazioni alla c.d. "retro-detrazione" e pertanto, per poter detrarre l'IVA:
 
 

15/02/2024

Dichiarazioni dei redditi “tardive” entro febbraio

La mancata presentazione del modello Redditi/IRAP 2023 (anno 2022) entro i termini ordinari (30 novembre 2023) può essere regolarizzata entro il 28 febbraio 2024 presentando una dichiarazione tardiva e versando la sanzione ridotta pari a 25 euro, ...
 
 

13/02/2024

“Bonus ristoranti 2022”: click day dal 1° marzo

Il “bonus ristoranti” prevede un contributo a fondo perduto destinato a sostenere la ripresa del settore della ristorazione. L’agevolazione è destinata a ristoranti, pasticcerie e gelaterie e prevede un rimborso fino al 70% delle spese agevolabili ...
 
 
 
Contattaci