07/02/2024

Visto di conformità: soglia a 70.000 euro, esclusi crediti IVA 2023

Un recente decreto ha innalzato il nuovo limite per l’esonero dall'apposizione del visto di conformità per i crediti IVA (legato al regime premiale ISA) qualora chiesti a rimborso o utilizzati in compensazione in F24, dai precedenti 50.000 a 70.000 euro annui.

Dovranno però ancora essere definiti con un nuovo provvedimento i nuovi punteggi ISA per poter accedere a tale beneficio: ad oggi valgono ancora le regole precedenti (ISA almeno 8 o 8,5) ed il limite di 50.000 euro che è il riferimento per l’utilizzo del credito IVA relativo al 2023 (modello IVA 2024), così come ai crediti IVA maturati nei primi tre trimestri del 2024.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Andrea Pircher

Dottore commercialista e revisore legale
Ufficio centr. contabilità e consulenza fiscale
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 311
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/06/2024

Bilanci degli ETS, deposito entro giugno

Entro il 30 giugno 2024 gli enti del terzo settore devono depositare il bilancio dell’anno 2023 all’interno della piattaforma RUNTS, unitamente al verbale di approvazione da parte dell’assemblea dei soci (convocata nei termini previsti dallo ...
 
 

17/06/2024

In arrivo lettere di compliance per aiuti di stato 2020

L’Agenzia delle Entrate sta inviando specifiche comunicazioni dedicate alle anomalie riscontrate alla mancata registrazione degli aiuti di Stato / “de minimis” nei registri RNA, SIAN, SIPA a seguito dell’indicazione, nel prospetto “Aiuti di Stato” ...
 
 

12/06/2024

Definizione agevolata dei PVC

Il contribuente che riceve un processo verbale di constatazione (“PVC”) può scegliere di definire le violazioni accertate con sanzioni particolarmente ridotte, secondo quanto previsto della riforma dell’accertamento (Dlgs n. 13/2024). La novità si ...
 
 

11/06/2024

Cedolare secca per l’immobile abitativo locato ad una impresa

Per la Cassazione il locatore persona fisica "privato" può optare per l'applicazione della "cedolare secca" anche per i contratti di locazione di immobili abitativi stipulati con imprese, sempreché sia rispettata la destinazione ad uso abitativo ...
 
 
 
Contattaci