20/09/2022

Vendite straordinarie, le regole provinciali in sintesi

Ci occupiamo della notifica al comune tramite lo sportello SUAP

Da giugno di quest'anno sono entrate in vigore una serie di modifiche alle vendite straordinarie. Il nuovo regolamento di esecuzione permette le vendite di liquidazione in qualsiasi periodo dell'anno, quelle promozionali sono state notevolmente semplificate.

In sintesi, in provincia sono previste le seguenti vendite straordinarie:


Vendite di liquidazione
Le vendite di liquidazione possono essere effettuate solo in presenza di determinate circostanze/eventi. L’oggetto della vendita è costituito da tutti i beni esposti per la vendita dal commerciante. Non è più vietato effettuare vendite di liquidazione nel mese di dicembre e nei 20 giorni precedenti l’inizio delle vendite di fine stagione.

Per fare una vendita di liquidazione, è necessario inviare una comunicazione preventiva al Comune competente per territorio tramite lo sportello unico per le attività commerciali (SUAP) almeno 10 giorni prima dell’inizio della vendita in questione. La comunicazione deve specificare le date di inizio e fine della vendita, per un periodo non superiore a 6 settimane.

La consulenza aziendale offre il servizio di comunicazione ai Comuni tramite sportello SUAP.



Vendite di fine stagione o altri saldi

Le vendite di fine stagione o saldi si riferiscono ad articoli stagionali o di moda che subirebbero una significativa svalutazione se non venduti entro la stagione o un determinato periodo. Questi saldi possono essere effettuati solo in due periodi all’anno, stabiliti dalla Camera di commercio.


Vendite promozionali
La nuova normativa prevede notevoli semplificazioni e liberalizzazioni rispetto a quella precedentemente in vigore. Infatti, questa vendita non è più soggetta a comunicazione preventiva o di altro tipo.

Inoltre, tutti gli articoli possono essere messi in vendita dai commercianti al dettaglio a condizioni vantaggiose e non solo un numero limitato. Inoltre, le vendite promozionali non devono più essere effettuate in un periodo di tempo prestabilito. Le vendite promozionali non possono comunque essere effettuate nei 20 giorni precedenti l’inizio di una vendita stagionale e nel mese di dicembre con prodotti stagionali del settore merceologico “non alimentare” che sono oggetto della vendita di fine stagione o dei saldi. Pertanto, le vendite promozionali di prodotti alimentari e non alimentari che non hanno carattere stagionale e quindi non sono soggette a saldi stagionali possono essere effettuate in qualsiasi momento dell’anno.

Per quanto riguarda le merci oggetto delle vendite straordinarie, deve essere sempre esposto il normale prezzo di vendita, lo sconto o la percentuale dello sconto e il prezzo effettivo che risulta a seguito del ribasso del prezzo.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

23/05/2024

Formazione: come sfruttare le nuove opportunità di finanziamento

Dal 2024 al 2026, le imprese e i lavoratori autonomi dell'Alto Adige hanno un'ottima opportunità di usufruire di un sostegno finanziario per le misure di formazione continua. L’iniziativa si rivolge a tutte le imprese iscritte al registro delle ...
 
 

28/03/2024

Partecipazione a fiere: guida ai contributi provinciali

Alle aziende viene rimborsato il 50% dei costi per la partecipazione alle fiere. L’agevolazione all'economia provinciale concede anche per i prossimi due anni una serie di contributi per l'internazionalizzazione. In questo articolo, i consulenti ...
 
 

01/03/2024

La pianificazione di un passaggio generazionale aziendale richiede 5 anni

State pianificando il passaggio della vostra azienda alla nuova generazione? In Alto Adige sono circa 40.000 le aziende che si trovano ad affrontare questa sfida, di cui oltre 7.000 gestite da persone di età superiore ai 62 anni. Considerando ...
 
 

20/02/2024

Contributi per servizi di commercio di vicinato: domande entro aprile

Anche per quest’anno gli esercizi commerciali che offrono un "servizio di vicinato" possono richiedere un contributo provinciale. Tali esercizi gestiscono punti vendita al dettaglio nelle aree rurali con un'ampia scelta di alimenti freschi e a lunga ...
 
 
 
Contattaci